In questo articolo si parla di:
Bozza automatica 46

Per Babolat il pickleball è ancora un affare prettamente statunitense. Il marchio francese al momento è focalizzato solo sul mercato a stelle e strisce, il più grande e fruttuoso al momento vista la grande mole di giocatori, ma un approdo in Europa pare solo questione di tempo.

Di recente avevamo avuto modo di parlare anche con Eric Babolat, ceo dell’azienda, durante un’intervista realizzata a Barcellona su Padelbiz #10/2023. “Non credo che i due sport (pickleball e padel, ndr) vivranno la stessa crescita ovunque, sebbene il primo stia prendendo piede anche nel nostro continente. Lo trovo comunque divertente e interessante perché è ancora più facile del padel, per realizzare un campo serve solo disegnare le linee ed è molto facile da giocare e da organizzare”.

Nel frattempo, il marchio sta prendendo piede anche nel professionismo americano. Di recente, il brand ha ufficializzato la sponsorizzazione di Chris Haworth, n.3 nella classifica dell’APP Tour e primo giocatore a vestire e giocare ufficialmente con attrezzatura Babolat. Come riporta The Dink, non è raro infatti vedere giocatori e giocatrici pro con abbigliamento Babolat durante le proprie partite, seppur non in veste ‘ufficiale’ come testimonial.

Bozza automatica 47

La collaborazione con Haworth dunque è solo l’inizio per Babolat, che a marzo ha anche svelato la nuova collezione di racchette per il 2024, composta dalle pale STRKR+, BALLR+ e WZRD. Ciascuna è stata progettata per un tipo specifico di giocatore.

Tutte e tre sono costruite in carbonio 3K monoscocca, che puntano a garantire il massimo equilibrio tra flessibilità per il controllo e rigidità per la potenza. Tra le caratteristiche più interessanti c’è la tecnologia SMAC, un materiale usato nell’ingegneria aerospaziale e che riduce le vibrazioni indesiderate, ampliando anche lo sweet spot per i colpi critici.

La STRKR+ è per giocatori aggressivi che vogliono avere sempre potenza nella racchetta. Il manico è lungo, e si adatta bene per chi utilizza il rovescio bimane. Ha uno spessore di 13 mm e un peso di 230 grammi.

Bozza automatica 43

È più orientata al controllo invece la BALLR+, che punta a garantire il massimo dello spin nei colpi e a manovrare al meglio per una massima precisione. Si adatta facilmente a tutte le situazioni di gioco. Ha uno spessore di 16 mm e un peso di 235 grammi.

Bozza automatica 44

La più pesante e spessa del terzetto è invece la WZRD, con 20 mm di larghezza e 240 grammi che si traducono in potenza e controllo. Una racchetta che necessita di una spinta maggiore rispetto alle altre, ma che nelle mani giuste può regalare grandi soddisfazioni.

Bozza automatica 45